Integrazione Modular/Eurorack + Ableton Live con il nuovo CV Tools!

Integrazione Modular/Eurorack + Ableton Live con il nuovo CV Tools!

Integrazione Modular/Eurorack + Ableton Live con il nuovo CV Tools!

Disponibile da ora in public beta CV Tools, un nuovo pacchetto di 10 dispositivi Max for Live che generano o ricevono segnali CV, Pitch, Control, Clock e Trigger CV.

Presto saremo in grado di ricevere e modulare CV tra i nostri  Eurorack (o altri dispositivi basati su CV) e Ableton Live 10 usando una scheda audio compatibile con CC, e potremo anche utilizzare Live come tempo leader o impostarlo per seguire il clock di un sistema modulare.

Anche se non si possiede una configurazione modulare, i dispositivi Rotating Rhythm Generator e CV Utility possono aggiungere flussi di lavoro in stile modulare all’interno di Live o in configurazioni hardware che non utilizzano apparecchiature basate su CV.

CV Tools è sviluppato da Ableton in collaborazione con Skinnerbox.

Disponibile in beta version qui: https://www.ableton.com/en/beta/

✯ Trigger drums + events

✯ Generate polyrhythms with modular style techniques

✯ Control live’s tempo from your modular Eurorack systems

✯ Control live’s tempo from your modular Eurorack system

✯ Control your Eurorack tempo from Ableton

✯ Use CV signals from your gear to control parameters in Live

✯ Draw custom shapes and send them to your modular setup

NEW! DA GIUGNO 2019 DISPONIBILI I NUOVI MODULI DI ARRANGIAMENTO, RECORD PRODUCTION & DISTRIBUTION E STORIA DELLA MUSICA ELETTRONICA, STAY TUNED!

NEW! DA GIUGNO 2019 DISPONIBILI I NUOVI MODULI DI ARRANGIAMENTO, RECORD PRODUCTION & DISTRIBUTION E STORIA DELLA MUSICA ELETTRONICA, STAY TUNED!

Dall’anno scolastico 2019/2020 il Master si arricchisce di tre moduli, ad iscrizione facoltativa, che vanno a completare ulteriormente la nostra offerta didattica. Un modulo di Arrangiamento, dedicato alla stesura delle tracce, articolato su dieci lezioni e su progetti template costruiti appositamente per il Master. Un modulo di Record Production & Distribution, di sei appuntamenti completi con professionisti dell’industria, dedicato agli aspetti tecnici della pubblicazione, sia con le etichette discografiche che in forma indipendente. E un modulo completo di Storia della musica elettronica, dagli anni 50 ai giorni nostri, gratuito e riservato agli iscritti al Master.

Tutorial – Come fare un Mix DJ SET Utilizzando Ableton Live

Tutorial – Come fare un Mix DJ SET Utilizzando Ableton Live

La funzione  auto-warp di Ableton Live rende il beat-matching così facile che chiunque può essere in grado di mixare musica. C’è tutto un mondo di cose si possono fare con Ableton, con controller midi e hardware esterno di tutte le forme e dimensioni. Questo è il modo veloce e ‘sporco’ per impostare e registrare un DJ mix in Ableton utilizzando soltanto il computer.

Parte 1 di 2: warping delle tracce

 

670px-2616868-1

1 – Seleziona i brani che desideri utilizzare nel DJ mix. Metti tutti i file audio in una nuova cartella sul desktop in modo da potervi facilmente accedere con Ableton.

 

 

670px-2616868-2

2 – Apri Ableton e individua la cartella con i file audio. Per fare ciò, utilizza la barra di navigazione del file. Adesso dovresti essere in grado di visualizzare un elenco dei brani nella finestra sul lato sinistro dello schermo.

 

 

670px-2616868-3

3 – Crea un canale audio supplementare. Il modo più semplice è quello di premere CTRL + T all’interno della modalità sessione.

 

 

670px-2616868-4

4 – Trascina i file dalla barra di navigazione nei canali audio. Attendere che le informazioni dei file siano caricate prima di fare qualsiasi altra cosa.

 

 

670px-2616868-5

5 – Fai doppio clic sulla prima traccia sulla tua lista. Si aprirà la forma d’onda nella sezione di visualizzazione del campione in basso. Verifica che il master BPM della sessione sia impostato a 120. Questa è l’impostazione predefinita.

179px-AbletonDJset1111

 

 

670px-2616868-6

6 – Fai uno zoom sul primo warp marker. È possibile utilizzare l’icona della lente di ingrandimento che appare quando il cursore è posizionato vicino alla parte superiore della forma d’onda, o la miniatura della forma d’onda sotto la finestra di visualizzazione del campione.

 

 

670px-2616868-7

7 – Regola i warp markers. Sono le piccole aree gialle con i numeri.

  • Assicurati che il primo warp marker sia posto proprio all’inizio della prima battuta / misura

  • Prova a far partire la traccia un paio di volte mentre guardi la linea attraversare la forma d’onda. Questa operazione ti consente di associare un segnale visivo con la posizione della prima battuta.

  • Individua il marker numerato che è più vicino alla battuta e fai doppio clic su di esso per renderlo un warp marker. Dovrebbe diventare giallo quando si esegue questa operazione. Il numero sarà qualcosa di simile a 1.1.2.

  • Regola la posizione del secondo warp marker fino a quando il valore BPM nella finestra del sample diventa 120.

    670px-AbletonDJset08

  • Fai clic col tasto destro sul secondo warp marker e scegli “Warp from here (Straight)” dal menu che si apre. Questa operazione effettuerà il warping  della traccia in base al tempo che avete selezionato.

    AbletonDJset09

  • Verifica che gli indicatori di inizio e fine siano posizionati correttamente sulla traccia. Gli indicatori di inizio dovrebbero allinearsi con il warp marker # 1 e mentre quelli di fine possono andare dove si desidera che la traccia finisca.

    670px-AbletonDJset13

 

 

 

670px-2616868-8

8 – Verifica che tutto sia sincronizzato. Come prima cosa, abilita il metronomo premendo il quadratino in alto a sinistra dello schermo. Poi premi play su ogni traccia singolarmente per vedere che sia sincronizzata con il metronomo.

 

 

670px-2616868-9

9 – Ripeti i passaggi 5-8 per ciascuna delle tracce nel tuo set.

 

 

670px-2616868-10

10 – Salva il lavoro. Il modo migliore per fare questo con un intero set di DJ è quello di andare al menu File e selezionare “Collect all and save“. Questo unisce i file audio all’interno del progetto e li conserva come un unico file.

 

 

Parte 2 di 2: registra il tuo set in arrangement view.

 

670px-2616868-18

1 – Apri il tuo progetto Ableton. All’interno dovrebbero esserci tutte le tracce su cui hai effettuato l’operazione di warping descritta nella prima parte.

 

 

670px-2616868-19

2 – Copia la prima traccia dalla finestra della sessione: seleziona la traccia e premi CTRL + C, o fai clic col tasto destro del mouse sulla traccia e seleziona “Copia” dal menu.

 

 

670px-2616868-20

3 – Organizza le tue tracce. Avrai bisogno di muoverti avanti e indietro tra la vista sessione e la vista arrangiamento parecchie volte nel corso di questo processo.

  • Apri la vista arrangiamento. Fai clic sul cerchio in alto in alto a destra dello schermo. Quello con le linee orizzontali.

  • Incolla la prima traccia nel canale audio 1. La traccia incollata inizierà dove è posizionato il cursore lampeggiante. Posiziona il cursore alla fine della prima traccia nel canale audio 2 prima di continuare.

    670px-AbletonDJset29

  • Copia la seconda traccia dalla finestra della sessione. Fai clic sul cerchio in basso in alto a destra dello schermo per muoverti avanti e indietro tra le due differenti viste.

  • Torna alla vista arrangiamento e incolla la seconda traccia nel canale audio 2 vicino alla fine del primo. Se il cursore è nel posto giusto, dovrebbe trovarsi lì automaticamente.

 

 

670px-2616868-21

4 – Ripeti questa procedura fino a quando noi hai inserito tutte le tracce nella vista arrangiamento.

 

 

670px-2616868-22

5 – Mixa le tue tracce.  Puoi spostarle leggermente avanti e indietro fino a che non si sovrappongono nel momento giusto. Completa questo passaggio per ogni transizione (mix) nel set.

  • Fai uno zoom sulla prima transizione con la lente di ingrandimento. La lente appare quando scorri con il mouse sui numeri appena sopra il canale audio 1. Puoi effettuare l’operazione di zoom anche regolando la barra in alto nella vista arrangiamento.

    670px-AbletonDJset31

  • Seleziona la seconda traccia e spostala indietro in modo che si sovrapponga un po’ con la prima. Quando il cursore è posizionato nella zona tra i numeri delle battute e il primo canale audio, verrà visualizzata l’icona di un altoparlante. Clicca  con il tasto sinistro del mouse l’icona dell’altoparlante per avviare la riproduzione audio da qualsiasi punto del set. Ripeti questo procedimento fino a quando i beat non sono perfettamente sincronizzati.

    670px-AbletonDJset32

 

 

670px-2616868-23

6 – Dissolvenza delle tracce. Avvia la modalità di disegno cliccando il tasto con la piccola matita nella parte superiore della pagina. Questa operazione ti permette di manipolare la linea rossa del volume per ottenere un effetto dissolvenza.

  • Usando la matita con il tasto destro del mouse puoi accedere al menu della griglia.  È possibile in questo modo regolare la larghezza della griglia di sfondo in base alle proprie esigenze e a seconda di quanta precisione vuoi ottenere con le dissolvenze.

 

 

670px-2616868-24

7 – Ripeteti la procedura per ogni passaggio del set.

 

 

670px-2616868-25

 

8 – Prepara il mix per l’esportazione.Ci sono un paio di cose che dovresti fare prima del rendering finale del file audio.

  • Assicurati che i punti di punch-out di inizio e fine siano posizionati correttamente. Sono dei piccoli triangoli grigi proprio sotto la fila dei piccoli numeri. Trascina il primo indicatore all’inizio del set e l’ultimo a fine.

  • Seleziona entrambi i canali audio, fai clic sul nome di ognuno con il tasto CTRL premuto. Sarà ok quando entrambi i nomi saranno evidenziati in giallo.

  • Vai al menu “File” e seleziona “Esporta”. Appariranno una serie di menu che consentono di scegliere il tipo di file e il percorso della directory. Seleziona WAV dal menu, e salva il file dove vuoi. Ora è possibile caricare il tuo mix per lo streaming o masterizzarlo direttamente su un CD.

http://www.wikihow.com/Make-a-DJ-Mix-Set-Using-Ableton-Live

Be inspired! Otto imperdibili documentari online sulla musica elettronica.

Be inspired! Otto imperdibili documentari online sulla musica elettronica.

1. Origini: DVS1 (Resident Advisor)
L’innovatore techno americano Zak Khutoretsky – meglio conosciuto come DVS1 – ha incontrato Resident Advisor per la serie ORIGINS, e il risultato è uno dei video più ispirati mai prodotti sulla scena techno.

 

2. Richie Hawtin – Pioneers Of Electronic Music (Slices Special)
Richie Hawtin non ha bisogno di presentazioni. In questo Slices Special da 70 minuti, la telecamera segue il DJ britannico dall’infanzia nel Regno Unito, fino agli anni dell’adolescenza in Canada e Detroit, fino all’attuale Berlino.
Con approfondimenti di nomi come John Acquaviva, Derrick May e Magda, il lungometraggio offre uno sguardo sincero sul passato e sul presente del fondatore di Minus e Plus-8.

 

3. Pump Up The Volume: The History Of House Music
Pump Up The Volume si presenta come il video più lungo della lista, gettando uno sguardo sulla nascita della house music, che vede in questo film più ospiti che una line-up di chiusura allo Space, Ibiza, con interviste a Carl Cox, Paul Oakenfold, Frankie Knuckles e Marshall Jefferson tra dozzine di altri.

 

4. Kim Ann Foxman and Firehouse New York (FACT Mag)
Fact è responsabile di alcuni tra i più interessanti e concettuali video sulla musica, e sulla scena dance in particolare.
L’intervista con la DJ e fondatrice di Firehouse New York Kim Ann Foxman è uno sguardo imperdibile sulla carriera dei giovani artisti.

 

5. PressPausePlay
Uno dei nostri preferiti, PressPausePlay esamina l’impatto dell’era digitale sui mezzi creativi tra cui musica, film e fotografia. Con incredibili citazioni di Moby, Olafur Arnalds e Seth Godin.
Il film offre un preciso sguardo su come Internet ha cambiato le opportunità di autori, produttori e artisti. Se devi scegliere un film da questo elenco, assicurati che sia PressPausePlay.

 

6. Inside Clone Records (FACT Mag)
Questa volta il team di FACT si reca nei Paesi Bassi per incontrare Clone Records, etichetta discografica di culto e compagnia di distribuzione che gestisce le versioni fisiche di 4LUX, L.I.E.S e Delsin Records tra molte altre.
Con l’etichetta che si avvicina al suo 21 ° anniversario, il fondatore Serge discute i primi giorni, la sua collezione di dischi personali e come potrebbe essere il futuro a cercare Clone.

 

7. Between The Beats: Seth Troxler (Resident Advisor)
Insieme alla serie ORIGINS, Resident Advisor aggiunge Between The Beats, una serie di documentari che mostra uno scorcio delle vite personali dei migliori DJ.
Uno dei migliori episodi arriva dal produttore Seth Troxler. Il DJ porta RA a Ibiza, Lovebox e Tomorrowland per dare un’occhiata al dietro le quinte, agli aspetti negativi e positivi di essere un artista di fama mondiale.

 

8. 10 Years Of Dance Music
L’ultimo film della nostra lista segna il decimo anniversario di una delle più influenti etichette dance del Regno Unito: Mark and Stuart Knights Toolroom Records.
Intitolato “10 Years Of Dance Music”, il film vede Will Saul, Steve Angelo, Armin Van Buuren e gli stessi fratelli Knight discutere degli ultimi dieci anni e l’inizio di etichette come Size, AUS e Armada.del